emanuele delbono
ema.blog

Emanuele DelBono

Node.js

Node.js è il framework del momento, nato solo 3 anni fa, in poco tempo ha suscitato entusiasmo nella community degli sviluppatori fino a farlo diventare un framework diffuso al punto che anche Microsoft, di solito distante a queste novità, ha deciso di supportarlo e ha aiutato il team ad effettuare il porting su windows.

Cos’è esattamente Node.js?

In parole povere è “javascript che gira sul server”, più esattamente è un framework per scrivere applicazioni web scalabili in javascript basasto sull’engine Google V8.

Perchè Javascript? (con tutti i bei linguaggi che ci sono?)

Perchè javascript non aveva nessuna libreria per l’I/O e questo ha permesso a Dahl (lo sviluppatore che ha scritto node.js) di definire l’API per l’I/O in modo non bloccante ed event-driven che rappresenta la caratteristica peculiare di node.js.

L’hello world di node.js è questo: var http = require('http'); http.createServer(function (request, response) { response.writeHead(200, {'Content-Type': 'text/plain'}); response.end('Hello World\n'); }).listen(8080); Queste poche righe di codice instanziano un server http che resta in ascolto sulla porta 8080. Per vederlo in azione, dopo aver installato node, basta avviarlo dal command prompt scrivendo: node app.js dove app.js è il file che contiene il codice sopra. Aprendo il browser e inserendo l’url http://localhost:8080 il server risponderà con la scritta “Hello world”.

La cosa interessante è che le app node.js sono autocontenute, ci0è non si appoggiano su un server sono loro stesse un server http.

Cosa si può fare con node.js?

Applicazioni web! Tramite l’aggiunta di particolari moduli (express, mongoose, sqlserver,…)  si possono sviluppare applicazioni web alla “ASP.NET MVC”, anche se il suo punto forte non è quello.

Le sue potenzialità sono nel supporto alle applicazioni real-time tramite websockets ad esempio o ad applicazioni che necessitano di funzionalità push. Ne riparliamo…

Comments