emanuele delbono
ema.blog

Emanuele DelBono

Method interception con Ruby

Durante le vacanze estive ho letto Metaprogramming Ruby di Paolo Perrotta, libro denso a tratti difficile ma di grandissimo interesse che ti porta a scoprire la potenzialità di Ruby che, per noi programmatori “statici” abituati a quel poco di reflection che il .NET framework mette a disposizione, sembra fanta-programmazione.

Una delle cose che in .NET non è fattibile in modo semplice è l’intercettazione delle chiamate ai metodi di un’istanza. Si può fare usando DynamicProxy ma la scelta è abbastanza vincolante in quanto ci obbliga a creare tutte le classi passando da una factory ad hoc che tramite la citata libreria si occupa di istanziare i nostri oggetti rendendoli intercettabili.

In Ruby la cosa è di una semplicità e naturalezza disarmante.

Supponiamo di avere una classe fatta in questo modo:

class MyService
  def do_something
   p "i'm doing something very interesting"
  end
end

Fin qui nulla di particolare, una normale classe con un metodo do_something. Il bello arriva ora. In Ruby posso “riaprire” le classi per aggiungere, togliere, cambiare i metodi, inoltre posso anche creare degli alias di un metodo:

MyService.class_eval do
  alias :do_something_new :do_something

  def do_something
    p "i'm ready to do something"
    do_something_new
    p "i did something interesting, isn't it?"
  end
end

Questo codice riapre la class MyService, definisce un alias del metodo do_something e subito dopo ne fa l’override. La nuova versione del metodo do_something, fa alcune cose (pre e post esecuzione) e chiama il metodo originale tramite l’alias definito sopra.

service = MyService.new
service.do_something
>> "i'm ready to do something"
>> "i'm doing something very interesting"
>> "i did something interesting, isn't it?"

Senza parole.

[Mi scusino i rubysti per il pathos che trapela da questo post, ma io vedendo certe cose mi emoziono.]

Comments